Home
Racconti
Ilaria – SCU Servizi Sociali San Vito di Leguzzano

Ilaria – SCU Servizi Sociali San Vito di Leguzzano

Abbiamo intervistato Ilaria che svolge Servizio Civile Universale con il progetto Giocare a crescere 2 presso i Servizi Sociali del Comune di San Vito di Leguzzano.

Quali sono le attività principali che svolgi nel tuo progetto?
Durante il mio servizio supporto e sostengo l’assistente sociale per quanto riguarda i bonus alimentari, la gestione informatica, l’organizzazione e l’archiviazione, seguo anche la parte burocratica dei servizi sociali. Ho la fortuna anche di poter collaborare con la scuola elementare, che fatalità è quella dove andavo io da piccola, infatti ho fatto animazione durante i centri estivi con la cooperativa “Mano amica”. Ancora adesso riesco a dare una mano alle scuole elementari supportando le maestre.

Che cos’è per te il Servizio Civile?
Per me il Servizio Civile è OPPORTUNITÀ, esperienza sul campo e di vita, esperienza di lavoro sia pratica, “burocratica”, che con le persone. Inizialmente ero frustrata perchè a causa della pandemia ho dovuto fermarmi, ma alla fine dei conti è stato anche un modo per imparare a risolvere i problemi e gestire le situazioni più difficili. Il Servizio Civile per me è anche conoscenza: tramite le formazioni condivise con gli altri volontari, sia del mio stesso progetto che di altri progetti, ho avuto la possibilità di conoscere nuove persone ed è stato davvero emozionante! A proposito delle formazioni poi, è stato bello condividerle con altre persone, in modo da conoscere i percorsi e i progetti degli altri volontari, tutti insieme abbiamo avuto modo di sperimentarci in tipi di formazioni davvero uniche, che altrimenti non avremmo mai avuto modo di conoscere.

Perchè hai scelto il tuo progetto?
Ho scelto il mio progetto perchè ho sempre adorato i bambini e sono davvero convinta che si debba partire dai più piccoli per creare un futuro diverso e migliore.

Che aspettative avevi quando hai iniziato questo anno e come stanno andando?
Le mie aspettative iniziali erano alte perchè volevo cambiare la mia vita. Mi sono abbattuta inizialmente per aver subito lo stop della situazione covid19, ma ho accettato e sono andata avanti. Dopo la quarantena grazie ai centri estivi sono rinata! Da una situazione che mi sembrava solo negativa alla fine devo dire che sono contenta dell’aiuto che ho potuto dare. Ho imparato tanto, soprattutto dai bambini. Questi mesi mi hanno resa più responsabile, ho imparato a collaborare con gli altri, grazie al lavoro in team con le altre educatrici.