Accesso Area Riservata Nome utente   Password    
Al via oggi il servizio civile per 2.200 giovani PDF Stampa

 

new-year-startOggi iniziano il loro anno di servizio civile presso ASC ben 2.200 giovani.
Saranno impegnati nella realizzazione di 340 progetti in 966 sedi di attuazione, distribuite su 87 province italiane e in Belgio, Mozambico e Myanmar.
Il Terzo Settore è rappresentato in tutte le sue articolazioni con 433 organizzazioni locali, mentre 115 sono i soggetti pubblici locali che accoglieranno i giovani, per un totale di 548 enti di accoglienza.


Attraverso i progetti i giovani vivranno le sfide di attività che spaziano dal coinvolgimento con i bambini, i giovani, gli anziani, all’inserimento nei musei e nelle biblioteche; dal sostegno alle donne oggetto di violenza all’accoglienza dei migranti. dalla presenza nei luoghi della cura (case di riposo, residenze assistite) alle attività artistiche e di centri di aggregazione giovanile; e ancora la conoscenza della memoria del nostro Paese che si intreccia con la sua tutela, attraverso azioni di protezione civile e di tutela e promozione dell’ambiente.

Un'offerta di esperienze così estesa rende l'esperienza del Servizio Civile Nazionale unica rispetto ad altre esperienze pubbliche
proposte ai giovani e risponde sia alle molteplici esigenze sociali dei territori che alle diverse aspettative dei giovani. Questa varietà trova nella formazione generale e nelle attività comuni il suo momento unificante.
Questa politica pubblica che vede operare insieme, con funzioni specifiche, Stato, Regioni e Province Autonome, Terzo Settore, Enti Locali, Rappresentanza degli operatori volontari è un esempio concreto di sussidiarietà, testimoniato dal fatto che poche centinaia di operatori pubblici governano un’esperienza di 53.000 giovani in servizio grazie al ruolo degli enti accreditati, che non solo organizzano le attività, ma si fanno carico di funzioni burocratiche sempre più accentuate, cofinanziando così  il Servizio Civile Universale.

ASC è un’associazione di promozione sociale con caratteristiche di rete associativa nazionale, fatto che rende possibile anche alle piccole organizzazioni locali di partecipare al Servizio Civile Universale, mantenendo la propria specificità all'interno di reti più grandi, accedendo alla formazione generale e contribuendo - attraverso il Rapporto che ASC redige annualmente - al monitoraggio delle attività e alla narrazione delle esperienze.