Accesso Area Riservata Nome utente   Password    
Concluso a Roma l'incontro pubblico per i 30 anni della CNESC PDF Stampa

CNESCOgni anno intorno al 15 dicembre - giornata nazionale dell'obiezione di coscienza e del servizio civile - la Cnesc fa una riflessione sul tema che in quel momento ritiene importante per le proprie finalità. Quest'anno è stato ritenuto prioritario il tema dell'impatto del servizio civile sui giovani e sulle comunità: questo perché nelle comunità e nelle Istituzioni è ancora insufficiente il livello di consapevolezza del valore del servizio civile, mentre proprio sulla valutazione dell'impatto la Cnesc ha realizzato nel 2018 3 seminari cui hanno partecipato oltre 90 quadri.

Quanto il servizio civile impatti positivamente sia sui giovani che lo svolgono, grazie alle competenze ed alle esperienze che acquisiscono, sia sulle comunità di riferimento è stato il tema portante delle relazioni di Elena Marta dell'Università Cattolica e Paola Tola del Social Hub di Palermo.
Valutazioni in generale assai positive che qualche esperienza negativa non può certo contribuire a sminuire.
"La mia rinascita nella società" questo il significativo commento di un giovane in servizio civile che una delle relatrici ha riportato.


"Saremmo stati lieti di condividere queste esperienze e riflessioni con le Istituzioni del Servizio Civile ma ci sarà certamente un'altra occasione - afferma Licio Palazzini presidente della Cnesc - anche perché per noi restano immutate le preoccupazioni legate all'incerta situazione dei fondi stanziati, che hanno portato nelle scorse settimane alla diffusione di ben 3 comunicati stampa congiunti in cui segnalavamo l'insufficienza dei fondi". "Contiamo - prosegue Palazzini - nella realizzazione degli impegni presi dal Sottosegretario Spadafora".


Il pubblico composto in larga parte di giovani, volontari in servizio civile, che lo avevano svolto o in procinto di partire ha poi ascoltato con attenzione ed a volte stupore il racconto che i già presidenti della Cnesc Primo Di Blasio, Fausto Casini, Diego Cipriani e (attraverso un messaggio) Davide Drei hanno fatto di questi 30 anni di servizio civile, fatti di battaglie "antiche" come quelle iniziali a colpi di fax e delle successive conquiste e dei riconoscimenti ottenuti.

Nel corso dell'assemblea che fa seguito all'incontro pubblico entrano a far parte della Cnesc due nuove organizzazioni: Vides Italia e Cesc Project.