Accesso Area Riservata Nome utente   Password    
Arci Servizio Civile
Pubblicata la lettera della Cnesc al direttore del Corriere della Sera PDF Stampa E-mail

Pubblicata nell'edizione del 25 luglio a pagina 41 nella sezione "Interventi e repliche" la lettera della Cnesc al direttore del Corriere della Sera in risposta all'articolo di Galli della Loggia sul Servizio civile del 14 luglio scorso.

Clicca qui per leggere l'articolo

 
La testimonianza di due volontarie ASC in Palestina PDF Stampa E-mail

Sul numero 26 di ArciReport (settimanale a cura dell'Arci) il racconto delle volontarie Arci Servizio Civile Alessandra Magda e Manuela Ecate, con il quale descrivono la drammatica situazione in Palestina.

Clicca qui per leggere gli articoli

 
IL GOVERNO MANTENGA IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE E VOLONTARIO APERTO AGLI STRANIERI PDF Stampa E-mail

 

logo cnescComunicato CNESC
Il 10 Luglio 2014 nel comunicato di Palazzo Chigi, diffuso attraverso il proprio sito al termine del Consiglio dei Ministri, si leggeva  “giovani di età compresa tra 18 e 28 anni, anche cittadini dell’Unione europea e soggetti ad essi equiparati ovvero stranieri regolarmente soggiornanti o partecipanti ad un programma di volontariato “ potranno partecipare al Servizio Civile Universale.
Dopo le dichiarazioni del Presidente del Consiglio non vorremmo un ritorno al passato con la chiusura agli stranieri nel SCU.
Qualche considerazione dalla Cnesc che crede che il SCU sia l’altra modalità, non armata, di difendere la Patria .
613 a 90.030: questo il rapporto fra stranieri e italiani nelle richieste di partecipazione al servizio civile nazionale nel 2013.
In termini numerici non c’è partita. sul piano delle risorse economiche una partecipazione di queste dimensioni non intaccherebbe l’obiettivo che il Governo affida al SCU: un’opportunità a regime per circa 100.000 giovani di educazione, apprendimento, partecipazione.
In tal modo il SCU diventerebbe una delle istituzioni di base della società italiana.
Per questo la Cnesc continua ad esprimere interesse alla proposta deliberata dal Consiglio dei Ministri il 10 luglio, in attesa di vedere il testo definitivo.
E proprio perché condividiamo che l’asse costituzionale su cui innestarla è la difesa della Patria facciamo notare, qualora ci fosse la decisione di aprirlo solo ai cittadini italiani, alcune contraddizioni:

Leggi tutto...
 
Un giorno di mobilitazione per la Pace in Palestina ed Israele PDF Stampa E-mail

 

vittimepalestinaisraeleCOMUNICATO AI MEDIA Roma 16 luglio 2014

Rete della Pace – Rete Italiana per il Disarmo

Sbilanciamoci! – Tavolo Interventi Civili di Pace

Un giorno di mobilitazione per la Pace in Palestina ed Israele

Oggi in tutta Italia la giornata di mobilitazione per la pace in Palestina ed Israele, lanciata da un appello delle principali reti pacifiste e nonviolente italiane.

Una forte ed articolata risposta all'appello lanciato da Rete della Pace e Rete Disarmo, poi immediatamente sostenuto anche dal Tavolo Interventi civili di Pace e da Sbilanciamoci!, è quella che si registrata in queste ore in tutta Italia. Decine sono infatti le iniziative di mobilitazione che da nord a sud caratterizzeranno la giornata odierna, scelta come momento comune di mobilitazione per chiedere una soluzione alla situazione di conflitto in Palestina. Soluzione che in ogni caso non potrà avvenire finché a parlare saranno le armi: per questo motivo la richiesta immediata e concreta al nostro Governo avanzata dai gruppi pacifisti è quella di uno stop alle forniture belliche italiane nella regione. La richiesta ha una forte valenza politica ed umanitaria poiché l'Italia è, tra i paesi dell’UE, di gran lunga il primo fornitore di sistemi militari dello Stato israeliano, e i bombardamenti indiscriminati su Gaza di questi giorni hanno già causato troppe vittime in prevalenza civili.

Leggi tutto...